L’inutilità di una informativa che nessuno ha voglia di leggere

Ciao, nel mio modo di vedere anche dopo l’istituzione del ministero per Ecosostenibilità ce la necessità di sistemare (ELIMINARE) i banner Cookie.

Non vedo proprio la logica di dover piazzare un avviso che nessuno è in grado di comprendere a pieno, a nessuno interessa non sapendo cosa sia, rallenta la navigazione, imbruttisce i siti, consuma energia.

ed il Garante ha detto il giusto su come deve essere una informativa: concisa; trasparente; intelligibile; facilmente accessibile; con linguaggio semplice e chiaro.

Come narro sempre nei miei corsi di Trattamento Dati, io avrei fatto un altra proposta:

uno spot video di 20 secondi sulle principali emittenti TV e RADIO e WEB , spiegando a tutti in modo CHIARO che quando si naviga si viene rincorsi osservati e archiviati, attrice principale Belen Rodriguez , che mentre passeggia su una spiaggia caraibica deserta con in dosso un bikini mozzafiato viene osservata da 300 entità camuffate con tanto di binocoli termoscanner telecamere HD etc…, lei inizia a correre per fuggire (le telecamere continuano ad avere l’obbiettivo su di lei), fino al suo capanno dove si può nascondere…riprende fiato si sente al sicuro, ma poi si accorge che le pareti sono piene di foto e video di tutta la sua vita privata, anche in tempo reale!!! quindi decide di mettersi un pareo ed un paio di occhiali, ma resta intimorita da quanto successo.

Costo 1 /100000 di quanto si spende per i banner cookie, e tutti sarebbero stati ben informati in maniera chiara

se ti servono i numeri https://www.itu.int/

dopo 10 anni di immersione digitale

Forse dopo 10 anni di immersione digitale per tutti e doveroso fare un punto sulla situazione:

il 90% usa un PC per fare le fatture, risparmiando tempo e non sbagliando, il Digitale non fa altro che supportarci rendendo i dati fruibili e modificabili;

il 90% ha capito che l’antivirus non può essere gratuito, e che la sicurezza vale quanto il fatturato dei prossimi 5/10 anni;

il 140% usa uno SMART-Phone, non si può lavorare senza comunicare.

Complimenti!!!!!

il 27% ha un Sito Web;

il 12% ha un backup dei dati, ancora tanta gente crede nell’infallibilità di questi super PC? ;

il 2% ha un piano di Disaster recovery, poi si vedrà ma che capita a me??!;

il 0,3% dichiara di aver avuto una falla nei propri sistemi, ed aver pagato un riscatto;

il 22% nel periodo di 5 anni ha subito un attacco informatico con la perdita totale dei propri dati.

Male male!!!!!

il 3% ha un linea dati di Backup, forse va di moda rimanere off-line ogni tanto, almeno 5 giorno l’anno;

il 7% ha un centralino Voip, tutti gli altri preferiscono non essere disturbati dai clienti ;-);

il 12% offre servizi su internet;

Malissimo!!!!!

Queste sono solo alcuni degli spunti per riflettere su come procedere in questo nuovo mondo digitale.

Noi in PI “Power Innovation” parliamo di business.

E veramente triste incontrare in italia tante aziende che soffrono o muoiono per l’incapacità di adattamento tecnologico, dovuta al fai da te, all’improvvisazione o alla paura di non conoscere la materia.

Vi metto la un esempio fatto a braccio:

Un nuova postazione PC Monitor Telefono costa €2500 (dico un bel PC con doppio monitor licenze e assistenza) e migliora le prestazioni del 30% di uno operatore con lo stesso pc ma vecchio di 3 anni.

costo operatore lordo mese € 2000 x 36 mesi = € 72000 , varrà la pena comprare un pc nuovo?

Costo giornaliero PC nuovo = € 2500/21gg/36mesi = € 3,31 , varrà la pena comprare un pc nuovo?

Quindi per un operatore che non “porta utili” alla pari, migliorando del 30% il rendimento sul costo di € 72000 sarà di € 21600, che quindi potremmo mettere a budget per far rendere di più il nostro operatore.

Insomma prendete qualche punto (almeno 2) percentuale del fatturato ed investiteli in DIGITALE, attendete 6 mesi e vedrete.

“Chi non può cambiare idea non può cambiare nulla.”

Buona vita a tutti Gianpiero

Scusate il culo ma era giusto per informare di cosa dico l’altro 99,6% del Web 😉

L’informatico condotto Vs Consulente informatico

Da qualche tempo riflettevo su questa nuova professione, “l’informatico” ,che svolgo oramai da 25 anni; la quale non è ben compresa al mondo.

Mi è venuto in mente un bel paragone per spiegare come negli anni questa figura si è formata ed evoluta: dal 1990 diciamo fino al 2010 per un buon ventennio, l’informatico era alla stregua del medico condotto, che visitava l’ammalato, e qualsiasi patologia avesse la doveva risolvere li su due piedi con le proprie conoscenze, esperienze, risorse.

Ora non è più cosi, come per la medicina ogni aspetto informatico ha il suo specialista, e nessuno si farebbe fare una operazione al cuore dal un fisioterapista, quindi per prima cosa bisogna individuare il “Medico di base”, colui che ci dirà il ramo di appartenenza della materia, e ci guiderà nel percorso mantenendoci informati, oggi questa figura in ambito informatico si chiama “Consulente informatico”.

Quindi prima di farvi operare, contattate un consulente informatico!!!! Ma come fare per sapere se questo personaggio è valido e preparato a svolgere il ruolo di Consulente Informatico?

un buon consulente informatico:

  • ascolta ascolta ascolta
  • fa tante domande
  • non è mai in ritardo agli appuntamenti, anche se potrebbe esserci molta coda per parlare con lui
  • parla con parole semplici e comprensibili a tutti
  • porta vantaggi e miglioramenti tecnologici
  • migliora le prestazioni in termini operativi ed economici
  • parla di sicurezza e rispetto digitale
  • non disprezza mai il lavoro degli altri colleghi informatici
  • mette per scritto quello che dice
  • vanta un curriculum di esperienze e formazione
  • ha moltissimi partner tecnologici
  • si interfaccia lui con tutti i reparti e le altre figure
  • si fa pagare per le parole che dice

Potrei narrare mille casi in cui un addetto informatico si è spacciato per un consulente informatico, ma come nel calcio siamo tutti allenatori della nazionale.

La fase 4 del COVID

Visto che mi danno del populista e dell’ignorante, non fate caso a cosa scrivo, ps. ringrazio chi mi dice stupido cosi posso ogni giorno migliorare.

Siamo davanti ad un esperimento globale, voluto o non voluto, la situazione è oramai questa:

  • Popolazione globale spaventata dall’aria che respira
  • Popolazione globale spaventata dall’amico che respira vicino
  • popolazione globale contro lo stato vicino
  • popolazione globale contro lo stato lontano
  • popolazione globale contro tutti gli altri stati
  • popolazione globale contro i governatori
  • popolazione globale contro chi non ha lo stesso colore
  • popolazione globale contro chi tifa un’altra squadra
  • popolazione globale che condivide odio sui social
  • popolazione globale che maledice il suo prossimo
  • popolazione globale in preda all’ansia del domani
  • popolazione globale afflitta dalla paura della morte
  • popolazione globale con la testa bassa sul telefonino
  • popolazione globale con il naso all’insù per vedere SPACEX
  • ….aggiungete voi a scelta ne siamo circondati

Quindi immesso il problema diciamo “l’altro”, ora siamo tutti contro tutti!!!

Che cosa ci invitano a fare in questo esperimento? a sospettare dell’altro, a temere il diverso, a ignorare chi non la pensa come noi, a stare lontano da chi amiamo, in buona larghissima parte esperimento riuscito!!!!!

Ora spetta a noi che dopo essere stati divisi, emarginati, impoveriti, “contagiati” fare una mossa inaspettata; possiamo iniziare a pensare che siamo “tutti in un solo pianeta”(un mio vecchio slogan!!), con gli stessi diritti e la stessa voglia di Vivere.

io propongo questa soluzione difficile e oltre gli schemi che ci hanno messo davanti

– BENEDIRE e non MALEDIRE –

19 Maggio 2020 “La guerra e finita, il Covid-19 ha vinto!!”

da un lato sono felice che 19 Maggio la guerra sia finito, ma abbiamo perso tanto troppo tutti

cosa hanno ottenuto i vincenti!!!? di cancellare un’altro diritto di Liberta Umana.

é nato questo nuovo articolo:

“tutti gli uomini devono essere geneticamente individuati e vaccinalmente censiti.”

non ci credete:

https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/05/19/20G00052/sg

DECRETO-LEGGE 19 maggio 2020, n. 34 Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonche’ di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19. (20G00052) (GU Serie Generale n.128 del 19-05-2020 – Suppl. Ordinario n. 21)note: Entrata in vigore del provvedimento: 19/05/2020

Art 11 Misure urgenti in materia di Fascicolo sanitario elettronico

Qui sotto trovi il link sui motivi della guerra!!! https://gianpierocozzolino.wordpress.com/2020/02/24/altro-giro-di-guerra/